Crea sito

Dove il virus sta crescendo di più: paesi con leader “populisti illiberali”

Brasile, Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno qualcosa in comune.

New York Times, 2 giugno 2020, di David Leonhardt e Lauren Leatherby

I quattro grandi paesi in cui i casi di coronavirus sono recentemente aumentati più rapidamente sono Brasile, Stati Uniti, Russia e Gran Bretagna. E hanno qualcosa in comune.

Sono tutti gestiti da leader maschi populisti che si definiscono anti-elite e anti-establishment.

I quattro leader – Jair Bolsonaro, Donald J. Trump, Vladimir V. Putin e Boris Johnson – ovviamente hanno anche molte differenze, così come i loro paesi. Eppure tutti e quattro rappresentano le versioni di ciò che Daniel Ziblatt, professore di amministrazione e governo ad Harvard e coautore del libro “How Democracies Die”, chiama “populismo illiberale di destra radicale”.

Dove l’epidemia è peggio adesso

Nuovi casi per 100.000 in paesi con oltre 50 milioni di persone

Questo modello non è una coincidenza, credono molti scienziati politici. I populisti illiberali tendono a rifiutare le opinioni degli scienziati e a promuovere teorie del complotto.

“Molto spesso si scontrano con intellettuali ed esperti di quasi tutti i tipi”, ha affermato Steven Levitsky, coautore dei Ziblatt. 

Questi leader, ha detto, “affermano di avere una sorta di saggezza e di buon senso che gli esperti mancano. E questo non funziona molto bene contro il Covid-19 “.

In Brasile, Bolsonaro ha licenziato il suo ministro della sanità e ha ripetutamente chiesto agli Stati di porre fine alle normative di restare in casa. Negli Stati Uniti, Trump ha respinto le opinioni degli esperti per quasi due mesi, prevedendo che il virus sarebbe scomparso “come un miracolo”. In Gran Bretagna, il governo di Johnson inizialmente ha incoraggiato le persone a continuare a socializzare, anche se altri paesi si stavano chiudendo.

Tutti e quattro i leader hanno anche contestato la guida sulle misure di protezione personale all’inizio, rifiutando di indossare una mascherina o continuando a stringere mani.

Lo schema è evidente anche al di là di questi paesi. L’Iran – un paese con un leader supremo teocratico – è il quinto caso nel caso di crescita nelle ultime due settimane tra i paesi con almeno 50 milioni di persone. Gli esperti sanitari affermano che il governo non ha tenuto conto degli avvertimenti sulla riapertura troppo rapida. Il Messico – dove il presidente Andrés Manuel López Obrador è un populista di sinistra il cui governo ha pubblicato poster che affermano che il virus “no es grave” (non è grave) – è sesto.

Una ricercaaccademica per rintracciare le risposte dei paesi al virus ha dimostrato che un ritardo nella reazione del governo consente al virus di diffondersi molto più rapidamente, ha affermato Thomas Hale della School of Government Blavatnik dell’Università di Oxford, che sta guidando l’iniziativa . Molti dei paesi che vedono gravi focolai condividono un “riconoscimento tardivo dell’urgenza della crisi”, ha affermato Hale.

Spesso i leader che hanno risposto più lentamente hanno citato la necessità di dare priorità alla crescita economica. Ma i compromessi tra l’economia e la salute pubblica potrebbero in realtà non esistere, affermano scienziati ed economisti: la via più rapida per la normalità economica consiste nel controllare la diffusione del virus.

Il corpo di una persona positiva per Covid-19 viene portato in un crematorio pubblico a Quezon City, nelle Filippine.
Il corpo di una persona positiva per Covid-19 viene portato in un crematorio pubblico a Quezon City, nelle Filippine.Credito…Jes Aznar per il New York Times

“C’è questa falsa tensione che esiste tra la salute pubblica e la salute economica”, ha detto Wafaa El-Sadr, un epidemiologo presso la Columbia University.

Il rovescio della medaglia del modello che coinvolge populisti illiberali è che i paesi gestiti da donne sembrano aver avuto più successo nella lotta contro il virus, come alcuni osservatori hanno precedentemente notato . Germania, Nuova Zelanda e Taiwan sono tutti esempi.

La connessione tra leader populisti e gravi focolai non è perfetta. Viktor Orban in Ungheria e Rodrigo Duterte nelle Filippine sono anche populisti illiberali che hanno risposto rapidamente . Il conteggio dei casi sembra essere relativamente basso in entrambi i paesi. Sia Orban che Duterte hanno usato la crisi come scusa per reprimere ulteriormente gli oppositori politici.

Ma i modelli globali di solito includono eccezioni. “In effetti esiste un modello”, ha detto Levitsky. “Ai populisti non piacciono gli esperti – o fare affidamento su esperti – e una risposta anti-competenza al nuovo coronavirus è mortale”.

Alcuni leader populisti, come Johnson e Recep Tayyip Erdogan della Turchia, hanno recentemente iniziato a prendere il virus più seriamente. Negli Stati Uniti, la risposta di Trump è variata di giorno in giorno ed è stata anche diluita dal sistema federalista, in cui i governatori stanno prendendo molte decisioni.

Tuttavia, Hale sospetta che i paesi populisti possano continuare a far più fatica di altri.

“Stiamo osservando l’onda iniziale ora”, ha detto, “ma sarà un lungo viaggio, e la mia forte intuizione è che i paesi con sistemi di governance veramente robusti saranno quelli che alla fine faranno meglio”.

Fonte New York Times, autori David Leonhardt e Lauren Leatherby