Crea sito

Lorenzo

Stanotte ho avuto un incubo, c’eravamo io e Lorenzo Tosa vestito come Jovanotti ai tempi di DJ Television che guardavamo The Raid Redemption, e quello a un certo punto mi fa
“Bello il combattimento finale ma secondo me il cattivo lo dovevano far interpretare a Luca Marinelli”.

E io “Non lo so Lore’, certi stunt non è che li possono far fare a tutti e a Marinelli in Indonesia credo non lo conoscano”.

“Ma te lo immagini? Tutto isterico e con l’occhio pallato avrebbe funzionato benissimo”

“Beh, il silat è un’arte marziale tradizionale, si sarebbe persa un po’ la connotazione etn…”.

“Poi magari anche tatuato e con la pelle sbiancata”.

“Stai parlando di Jared Leto, Lorenzo? Quello è un mio feticcio, per favore stabiliamo dei limiti a ‘sta cos…”.

“E sai chi ci sarebbe stato benissimo tra i protagonisti?”.

“Se nomini Carlo Santamaria quant’è vero iddio non rispondo di me, Loren…”

“Will Smith!”.

“…”.

“… …”.

“La devi smettere di guardare a ruota Lo chiamavano Jeeg Robot e Suicide Squad, fossilizzi il tuo panorama iconografico e per uno scrittore è controproducente”.

“Sono due capolavori pieni di sentimenti fortissimi, non capisco come fai a essere così snob”.

“Mi fai venire in mente quella volta in cui volevi mandare a Netflix la tua fanfiction slash di Supernatural in cui c’eravate tu ed Ezio Greggio che salvavate Calenda dal fantasma di Che Guevara”.

“Poteva funzionare se non mi fermavi!”.

“Lore’ st’irrisolto emotivo con Carlo lo devi superare”.

“È un ragazzo con il cuore grande che pensa al futuro e all’Europa, solo i comunisti come te non l’hanno capito!”.

“Questa normalizzazione del neoliberismo in chiave romantica non fa bene a nessuno Lorenzo!”.

A quel punto lui si alterava e iniziava a brandire un’edizione de L’Alchimista di Coelho con prefazione di Fabio Volo urlando “L’AMORE È PIÙ FORTE DELLA LOTTA DI CLASSE!!1!”.

E lì mi sono svegliato tutto sudato stringendo al petto Furore di Steinbeck.
Che nottata di merda.