Crea sito

Perché facciamo ancora finta che l’economia “a cascata” funzioni?

di Morris Pearl (articolo originale del 13 giugno 2019)

Mercoledì prossimo, Donald Trump conferirà la Medaglia presidenziale della libertà all’economista Art Laffer.

Purtroppo, la carriera di Laffer è stata pesante per la cultura, leggera nel rigore accademico, e assolutamente distruttiva per l’americano medio e per la salute e la sostenibilità a lungo termine della nostra economia.

Un certo numero di economisti ha già liquidato la teoria dell’economia del lato dell’offerta di Laffer come una pura sciocchezza. Per il suo dubbio ruolo di “padrino” di Reaganomics, Slate lo ha definito il peggior economista del mondo. È stato definito una parte chiave del “marciume intellettuale del Partito Repubblicano”. L’Esquire ha suggerito che il turno di Laffer come architetto del disastroso esperimento fiscale Brownback in Kansas dovrebbe essere appeso al collo “come un opossum morto” per il resto dei suoi giorni.Advertisementhttps://secureframe.doubleclick.net/container.html?ecs=20201107

Allora, perché esattamente Trump conferisce a un uomo del genere il più alto onore civile della nazione? Forse perché ha recentemente scritto un libro, Trumponomics, elogiando l’agenda economica del presidente.

Probabilmente perché la teoria di Laffer, guarda caso, è la base di ogni terribile taglio delle tasse che Trump e il partito repubblicano hanno approvato per decenni.

Tutto è iniziato nel 1974, quando Laffer entrò in un bar con Dick Cheney e Donald Rumsfeld, che all’epoca lavoravano per l’amministrazione Ford. Ne è nata la “curva Laffer”, un grafico a forma di U che illustra il rapporto tra le aliquote fiscali e le entrate.

Le estremità della curva sono abbastanza basilari – ad un’aliquota fiscale di 0, il governo raccoglierà 0 dollari di entrate, e ad un’aliquota fiscale di 100, il governo raccoglierà comunque 0 dollari di entrate perché la gente non lavorerà senza una paga a domicilio.

Agli estremi, la curva di Laffer è corretta, ma questo non ci dice nulla sui punti in mezzo. L’idea di Laffer, tuttavia, era che esistesse un “punto di svolta” sul continuum nel mezzo, dove gli incentivi a lavorare e ad investire sono diminuiti perché le aliquote fiscali erano troppo onerose.

Dal grafico di Laffer, i repubblicani avevano la giustificazione accademica per giustificare la riduzione delle aliquote fiscali per le imprese e i ricchi.

Il presidente Ronald Reagan ha adottato la teoria di Laffer sul lato dell’offerta all’ingrosso nella sua agenda di deregolamentazione e di riduzione delle imposte. Nei decenni successivi, Laffer si è aggrappato alla rilevanza, apparendo sui telegiornali via cavo per difendere con veemenza i presunti benefici della riduzione delle tasse, anche quando le prove dimostravano il contrario.

Più recentemente, in Kansas, dove è stata implementata una versione estrema della teoria di Laffer e le aliquote fiscali sono state ridotte di quasi un terzo, lo stato ha subito uno dei peggiori disastri fiscali della storia recente.

La curva di Laffer ha fatto danni immensi all’economia statunitense nei 40 anni dalla sua nascita. Inoltre ignora una realtà fondamentale: i tagli fiscali per i ricchi non funzionano.

Ogni volta che i governi statali o federali hanno messo alla prova la teoria del “trickle-down” di Laffer, i deficit sono un pallone aerostatico, i ricchi accumulano la loro ricchezza al massimo, e gli americani medi soffrono.

I periodi di maggiore crescita nel nostro Paese, come gli anni Cinquanta e Novanta, sono coincisi con le decisioni di aumentare le tasse sulle persone ricche e sulle società.

Se vogliamo tornare a quei periodi di prosperità, invece di lasciare che la disuguaglianza continui a crescere incontrollata, dobbiamo chiedere ai nostri leader eletti di riconoscere che le politiche economiche a cascata non funzionano.

I repubblicani dei giorni nostri sembrano essere inclini a ignorare perennemente l’economia di base per ridurre le tasse per i loro amici ricchi, ma questo non significa che il resto di noi debba acconsentire.

Laffer è un uomo il cui unico risultato degno di una Medaglia della Libertà sembra l’aver unito contro di lui un gruppo di conservatori e di economisti ardentemente progressisti. È giunto il momento di lasciare la “Laffernomics”, e tutti gli esperimenti falliti che ha ispirato, alle note dei libri di storia.

articolo originale sul Guardian